In Senegal ...

… quando si pescava con le piroghe e c’era grande abbondanza di pesce.
In Senegal ...

Nel corso di questo viaggio sono entrato  in contatto con una realtà molto interessante: quella dei pescatori.

A Guet-Ndar,  su una lingua di sabbia larga 150 metri e lunga non più di 2 Km, è concentrato tutto il mondo dei pescatori  locali.

I suoi abitanti non hanno bisogno di tanta terra per vivere, in quanto è il mare che provvede a tutto ciò di cui necessitano.

Perfino le case sono fatte di sabbia e conchiglie tritate.

In questo villaggio tutti vivono di pesca.

Ogni mattina più di 200 piroghe escono e fanno ritorno nel pomeriggio.

Il pesce, portato a riva e gettato sulla sabbia, come da tempo immemorabile, serve per nutrire le famiglie del villaggio.

Il pesce che non viene consumato subito è la materia prima per tante donne che sono impegnate nella sua trasformazione.

Il pesce  viene essiccato al sole, salato o affumicato.

Il Senegal,  con oltre 600 chilometri di coste, vantava fino a pochi anni fa uno dei mari più pescosi del mondo e contribuiva ad arricchire la dieta della popolazione dell’interno del Senegal.

Oggi purtroppo con l’arrivo di grandi pescherecci  oceanici degli europei, dei cinesi, dei giapponesi e dei coreani questa economia locale rischia di venire completamente stravolta.

Queste grosse imbarcazioni di giorno non si vedono perché stanno in mare aperto, ma di notte si avvicinano e buttano le loro reti sul limite delle 8 miglia.

L’enorme numero di queste barche crea in pratica una barriera con le reti e impedisce ai pesci di avvicinarsi alla costa.

© 2019 ViaggiRoberto.it - info@viaggiroberto.it - informativa sulla privacy