Betlemme

Per i cristiani il Natale accende una luce nuova, piena di speranza che possa illuminare i passi di tutte le genti.
Betlemme

Betlemme è una città in territorio palestinese ed è famosa perché i Vangeli e la tradizione cristiana la indicano quale luogo di nascita di Gesù Cristo.

Su questo posto è stata edificata la Basilica della Natività.

Il fulcro di tale complesso è naturalmente la grotta della Natività.

La grotta, lunga 12,3 metri e larga 3,5 metri, ha il pavimento e le pareti rivestiti da lastre di marmo bianco.

Le pareti naturali della grotta abbellite in epoca costantiniana, furono ricoperte di marmo in epoca bizantina.

Sopra l’altare della Natività sono rappresentati la Madonna e il Bambino in fasce, la scena del lavacro e quella della venuta dei pastori.

Sotto l’altare una stella d’argento a quattordici punte incastonata nel marmo indica il punto esatto in cui si pensa sia nato Gesù. La stella è illuminata da quindici lampade anch’esse d’argento che rappresentano le diverse comunità cristiane: sei appartengono alla Chiesa greco-ortodossa, quattro a quella cattolica, cinque a quella armeno-ortodossa.

A destra della Natività ci sono altri due altari, posti tre gradini più in basso:

L’altare della Mangiatoia, in corrispondenza di quello che secondo la tradizione è il luogo in cui Gesù venne deposto appena nato, detto anche "del Presepio".

L’altare dei Re Magi, nel punto in cui i tre saggi si sarebbero prostrati per offrire i loro doni al Bambino.

L'ambiente è intriso degli odori degli incensi delle diverse confessioni cristiane. Il grigiore dei fumi delle candele e delle numerosissime lampade fisse o mobili riportano ad altri tempi e a luoghi insoliti.

Da secoli i frati francescani, i frati della corda, come qui in vengono chiamati, custodiscono questo luogo a nome di tutta quanta la cattolicità.

video Gerusalemme